Direttore: prof. FABIO TONIZZI (vivenshomo@teofir.it)

Finalità e ambito di ricerca
Vivens homo è una rivista semestrale di teologia e scienze religiose che pubblica soprattutto studi, ricerche, nuove proposte ermeneutiche, annotazioni di carattere erudito nell’ambito della problematica teologica dell’uomo. Peculiare di Vivens homo è la particolare attenzione a cogliere la rilevanza teologica di quanto elaborato nelle molteplici discipline attinenti alle scienze umane e particolarmente nella letteratura e nell’arte.

Indici generali (dal 1990 al 2009)
A vent’anni dalla sua nascita Vivens homo propone nel numero 22/1 (2011) la pubblicazione degli indici generali dal 1990 al 2009, strutturati in quattro parti: un elenco progressivo dei volumi con i riferimenti agli articoli e alle note corredati dai rispettivi riassunti in lingua italiana e inglese; un indice degli autori in ordine alfabetico con indicazione dei contributi pubblicati; un indice delle opere recensite; un indice tematico in cui si riportano sia i concetti fondamentali sia i nomi più rilevanti delle persone e dei luoghi. Scarica gli indici.

Numeri monografici
Vengono anche curati numeri monografici (raccolte di studi e di saggi e Atti di Convegni organizzati dalla Facoltà):
2014 – Sollers cogitatio. Studi in memoria di Enrico Chiavacci
2010 – Memoria verbi. Saggi in onore di mons. Benito Marconcini
2007 – Spazi e immagini dell’Eucaristia. Il caso di Orvieto
2004 – La trinità di Masaccio. Arte e teologia
2001 – Ratio imaginis
2000 – Il vescovo tra storia e teologia. Saggi in onore del card. Silvano Piovanelli
1997 – Lo spazio del sacro. Luoghi e spostamenti (1997), Atti del Convegno internazionale organizzato congiuntamente dalla Stanford University e dall’allora Studio Teologico Fiorentino
1997 – “Ecco l’uomo”. Studi in memoria di mons. Valerio Mannucci
1996 – L’uomo in cielo. Il programma pittorico della cupola di Santa Maria del Fiore: teologia e iconografia a confronto
1994 – Teologie a Firenze nell’età di Giovanni Pico della Mirandola

Ufficio Abbonamenti
Per abbonarsi alla Rivista contattare direttamente l’editore (sito dehoniane).
Abbonamento per l’anno 2018: € 53,00 per l’Italia; € 79,00 per l’Europa; € 84,00 altri paesi.
Costo di una copia: € 32,00

Storia della Rivista
Vivens homo nasce nel 1990 come ANNALI dell’ISTITUTO SUPERIORE DI SCIENZE RELIGIOSE “Beato Ippolito Galantini” e vuole essere strumento e luogo per l’instaurarsi di un colloquio intellettuale e pastorale capace di assumere sia la fatica del concetto sia l’attenzione alle istanze del mondo contemporaneo.
A partire dal 1992, in seguito all’apertura del II Ciclo di studi per il conseguimento della Licenza in Teologia, assume cadenza semestrale come espressione dei docenti dello Studio Teologico Fiorentino e dell’ISSR di Firenze e diviene “lo strumento ordinario per farsi conoscere e confrontarsi con quanto altrove si produce nel campo degli studi teologici” (S. DIANICH, Editoriale, “Vivens homo” 3 (1992) 1).
Dal 1998, dopo l’erezione dello Studio Teologico Fiorentino a Facoltà Teologica dell’Italia Centrale, la rivista assume definitivamente la propria identità come Rivista Teologica Fiorentina, semestrale di teologia e scienze religiose della Facoltà e dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Firenze (da settembre 2017 soltanto della Facoltà, avendo l’Istituto cessato la sua attività).

La Collana nasce nel 2007 in occasione del decennale dalla fondazione della Facoltà Teologica e vuole presentare al pubblico - con la collaborazione delle Edizioni Cantagalli - i frutti del lavoro di riflessione ed elaborazione teologica prodotti all'interno della Facoltà, attraverso due Sezioni:
STUDI
lavori di approfondimento teologico dei docenti della Facoltà, talora legati allo specifico ambito della didattica (manuali, monografie, esposizioni tematiche);
RICERCHE
alcune tra le tesi di maggior valore elaborate dagli studenti per il conseguimento dei gradi accademici, scelte in considerazione della novità e/o della particolare attualità del tema trattato.
 
Ci auguriamo, con tale iniziativa, di poter offrire così anche un nostro significativo contributo non solo in vista di una maggior conoscenza "critica" - nel senso originario e positivo della parola - delle tematiche concernenti la fede cristiana, ma più in generale di quel dialogo "ad alto profilo" con tradizioni religiose e culturali diverse, oggi resosi particolarmente urgente per una convivenza umana che voglia svilupparsi nel segno del rispetto e della concordia reciproci (dalla Prefazione dell'allora preside prof. ANDREA BELLANDI al primo volume pubblicato nel 2007 nella sezione Ricerche).